Per tutti gli ordini a partire da € 30 la spedizione per l'Italia è gratuita.
Telefono: +39 0324 242743

Il Traforo del Sempione

20.00

Il Traforo del Sempione

Di Alessandro Malladra

Conferenza tenuta al Circolo Filologico Milanese

Seconda edizione notevolmente accresciuta

Tipografia Editrice L.F. COGLIATI- Milano

Con 69 figure e 3 tavole

Pagine: 151

INDICE

Prefrazione

Nota alla seconda edizione

Conferenza

  • Introduzione
  • Progetti diversi
  • Progetto del 1893
  • Studio della direzione
  • Previsione geologica
  • Meccanica dello scavo
  • L’alta temperatura
  • La pressione deelle roccie
  • Le sorgenti fredde
  • Conclusione

Appendice sugli ultimi fenomeni idrotermali nel Traforo del Sempione

Bibliografia

Elenco delle figure

 

Alessandro Malladra fu uno dei personaggi più interessati ai lavori del Sempione. Pubblicò una Conferenza su “Il Traforo del Sempione” esaurita nel breve arco di tre mesi nel 1904, ristampata nell’anno successivo. Si tratta della testimonianza diretta di un’impresa dell’ingegno, resa possibile dalla fatica di migliaia di lavoratori la cui utilità da 100 anni ad oggi non fa che aumentare.  Tanta fatica. E non solo; anche l’eventualità di dover desistere. “Dio solo sa quando si finirà e se si finirà”. Il dubbio di uno degli ingegneri davanti ai ripetuti imprevisti incontrati nel Traforo del Sempione era accettato anche dal prof. Alessandro Malladra, ma egli guardava oltre. Da buon ricercatore e da credere quale era, così affermava nella Conferenza al Circolo Filologico Milanese: “Non spaventiamoci prima del tempo, o Signori”. (Il Traforo del Sempione, A. Malladra, 1904, pag.16). La reazione dei grandi problemi rivela i grandi uomini. E Malladra era uno di questi. Il seguito di fatti gli ha dato ragione.  Il Malladra, religioso rosminiano e scienziato, interlocutore appassionato e competente, destinato anche di “disegni originali, fornitimi gentilmente dall’ing. Brandau”… fu a finaco, per tutto il tempo, ai diretti operatori.  Ai lettori di oggi il privilegio di scoprire come il progresso dello scavo del tunnel era un progresso dello scavo del tunnel era un progresso anche della scienza, anzi, delle scienze (ingegneria, meccanica, geologia, medicina).  In questo libro non si trova ovviamente traccia di quanto avvenuto successivamente, vale a dire la celebrazione dell’apertura del Tunnel nel 1906. Chi ha l’occasione di visitare il Museo sempionianocurato dal Mallara nel Collegio Mellerio-Rosmini troverà la prova della sua statura di studioso capace di valorizzare ogni aspetto di questa impresa.  La sottolineatura degli aspetti umani, sociali, religiosi e, alla fine, anche artistici (srcitti, poesie, musiche, quadri, cartoline illustrate) emerge da una miniera di documenti da lui raccolti. Dopo il Malladra altri rosminiani – in particolare il prof. Renzo Mortarotti e il prof. Tullio Bertamini – hanno curato il Museo Sempioniano.  La lettura di queste pagine possa dare il giusto riconoscimento alla Sua opera e possa stimolare a “pensare in grande” e agire con generosità…”

Vito Nardin

8 disponibili

Descrizione

Il Traforo del Sempione

Di Alessandro Malladra

Conferenza tenuta al Circolo Filologico Milanese

Seconda edizione notevolmente accresciuta

Tipografia Editrice L.F. COGLIATI- Milano

Con 69 figure e 3 tavole

Pagine: 151

INDICE

Prefrazione

Nota alla seconda edizione

Conferenza

  • Introduzione
  • Progetti diversi
  • Progetto del 1893
  • Studio della direzione
  • Previsione geologica
  • Meccanica dello scavo
  • L’alta temperatura
  • La pressione deelle roccie
  • Le sorgenti fredde
  • Conclusione

Appendice sugli ultimi fenomeni idrotermali nel Traforo del Sempione

 

 

Informazioni aggiuntive

Peso 0.5 kg
Dimensioni 20 × 13 cm